venerdì 12 febbraio 2016

Throwback to Switzerland

Buonsalve! Sono tornata con un nuovo post decisamente più leggero e meno polemico: vorrei raccontarvi della mia vacanza in Svizzera durante le vacanze di Natale (sì, lo so che è passato più di un mese, soffritemi).

Ho passato 9 giorni nella Svizzera francese, nel Canton Vaud per la precisione, ospite di un'amica e della sua famiglia. Persone adorabili e gentilissime, mi hanno fatto visitare più che potevano e mi sono divertita tantissimo. Sono partita il 28 Dicembre da Catania per atterrare con un'ora di ritardo a Ginevra dove la mia amica e la sua mamma mi hanno presa per portarmi a casa loro a La Tour-de-Peliz, che si trova vicino Montreaux e Vevey, sul lago di Ginevra.
Il giorno dopo siamo andati a fare una "passeggiata" in montagna, su i Dents du Midi, a Champéry, dove purtroppo c'era pochissima neve. Abbiamo preso la funivia e siamo saliti sulla montagna per poi raggiungere lo chalet di loro amici, un posto stupendo devo dire, lo chalet bellissimo e ci siamo divertiti tanto, verso le 17 abbiamo lasciato là i fratelli minori della mia amica e siamo tornati indietro sempre con la funivia da dove ho fatto tantissime foto.
Le case di montagna, o chalet, in Svizzera sembrano le case che si vedono in Heidi, davvero mi sentivo nel mondo di Heidi, mi mancavano le capre...
La sera tornate a casa ho iniziato Giulia, la mia amica ad American Horror Story, e come previsto lo ha amato... non che sia umanamente possibile reagire diversamente a quella serie tv...



Secondo giorno siamo andati a Losanna, la capitale del Canton Vaud, che è carinissima, molto caratteristica e tutta in salita e non parlo di una salitina, parlo di salite ripidissime e di strade pavimentate con il pavet (quelle pietre quadrate belle grosse messe una a fianco all'altra), se vivessi là non avrei bisogno di andare in palestra.
Comunque è davvero molto molto carina, siamo andati a visitare un museo in cui c'era una mostra di un'artista contemporaneo italiano e sinceramente i suoi quadri mi sembravano macchie sparse qua e là su tele, abbiamo anche visitato il museo della fotografia che a parer mio era molto più bello e per finire in bellezza abbiamo mangiato al ristorante cinese, buonissimo, mi era mancato il cibo cinese.
La sera io e Giulia abbiamo visto "Love, Rosie" o "#scrivimiancora" per chi lo abbia visto in italiano, ed era qualcosa tipo la ventesima volta per me ma sorvoliamo e giocato a Just dance mentre il film caricava perché il wifi non era dei migliori, anche se meglio di quello di casa mia era di sicuro...




Terzo giorno nonché ultimo giorno del 2015. La mattina l'abbiamo passata a casa a guardare American Horror Story mentre il pomeriggio siamo andate a Vevey a fare un po' di shopping dove ho comprato un cappello e un non tanto sano ma di sicuro buonissimo double chocolate chip frappuccino  (che in svizzera si chiama Java Chip ma è la stesa bibita) da Starbucks. Mi era mancato Starbucks, davvero...





Verso le 17 siamo tornate a casa e ci siamo preparate per il cenone a casa di loro amici a Vevey, devo dire che il cibo era buonissimo ma io e Giulia siamo stati con altri ragazzini, età media 12 anni, che parlavano francese velocissimo e non capivo una parola. Dopo cena però siamo andati a fare una caccia al tesoro per le strade di Vevey, organizzata dai padri di alcuni di questi di ragazzini. E' stata un'esperienza troppo divertente, ci hanno dato un libriccino con una storia di un omicidio e dovevamo girare il centro della città per trovare indizi e scoprire il colpevole e l'arma del delitto. Abbiamo impiegato circa un'ora e ci siamo ritrovati a mezzanotte davanti al duomo, sotto la torre in tempo per sentire le campane annunciare il nuovo anno (e hanno suonato davvero, davvero a lungo) e guardare i fuochi d'artificio. Dopo siamo tornati a casa di questi e abbiamo mangiato un dolce buonissimo, ovviamente al cioccolato.


Il primo giorno del nuovo anno è stato inaugurato con una  bellissima passeggiata sul lungolago e tante foto e ovviamente altre puntate di AHS e abbiamo visto "Il Grande Gatsby" perché Giulia non l'aveva mai visto ed è il mio film preferito...



Il 2 gennaio siamo andati in Francia, a Evian, sì, esattamente dove fanno l'acqua, perché le cose là costano molto meno e spesso fanno la spesa lì perché è solo dall'altra parte del lago e diciamolo, la Svizzera è cara e conviene...  Inutile dire che dopo la giornata in Francia abbiamo guardato AHS.



Il giorno dopo siamo andati a Berna, capitale della Svizzera e davvero bellissima, ho fatto il pieno di cibo svizzero e ho passeggiato per un parco dove dovrebbero esserci gli orsi ma dormivano beatamente. Passando al cibo, ho assaggiato gli Spatzli (si scrive con la dieresi, i due puntini, sulla a ma in questo momento non ricordo come si fa sulla tastiera) che sarebbero degli gnocchetti fatti con una crema di formaggio e verdure, buonissimi, poi ho assaggiato il Rosti (anche qua i due puntini sulla o) che somiglia molto agli Harsh browns, cioè patate tagliate a julienne, messe a mo' di frittella e fritte e infine la sera a casa abbiamo fatto la Raclette che è una specie di fonduta di formaggio ma più leggera, mangiata con le patate e le verdure. Tutto buonissimo, no wonder why sono ingrassata 😇







Il 4 gennaio Giulia è tornata a scuola, io sarei dovuta partire quel giorno ma non ero riuscita a prendere il biglietto dell'aereo per motivi tecnici inizialmente e mentre io risolvevo i problemi qualcuno mi ha fregato il posto...comunque sono partita il 6 e gli ultimi due giorni li ho impiegati a studiare un po' e ho comunque visitato un po'.
Infatti il penultimo giorno sono andata alla Maison Cailler che è il museo del cioccolato dentro la fabbrica della Cailler che per chi non lo sappia fa cioccolato buonissimo. Il museo era stupendo! Tutto interattivo, raccontava la storia del cioccolato dagli aztechi e i maya a come è arrivato prima nella corti europee e poi nelle case comune grazie al signor Cailler che sulle alpi svizzere ha inventato la tavoletta di cioccolato. Alla fine si poteva osservare una macchina al lavoro a produrre praline e poi degustare tantissimi tipi di praline da far girar la testa. Nel museo c'era anche un negozio che vendeva cioccolato  prezzi eccezionali e ovviamente ho comprato 200g di fondente alla nocciola. Non potevo lasciarlo lì sugli scaffali...




L'ultimo giorno ho dedicato la mattinata allo studio e poi il pomeriggio sono andata con la mamma di Giulia prima in un paesino di montagna sopra Montreaux a passeggiare sulla neve fresca e la cosa mi ha reso molto homesick dell'America,  poi siamo scese a Montreaux, sul lago, dove ho visto la statua di Freddie Mercury e infine siamo andate a Vevey a fare un po' di spesa e a prendere Giulia a scuola.  








La sera a casa c'era a cena la migliore amica di Giulia e, siccome era il suo compleanno, abbiamo mangiato la mousse al cioccolato Toblerone e devo dire che è B U O N I S S I M A. Dopo cena abbiamo messo un po' di musica e cantato e ballato.

Credo di aver scritto almeno un milione di volte quanto bella è stata questa vacanza, mi sono divertita tantissimo, visto e mangiato un sacco di cose, fatto esperienze nuove e divertentissime e enjoyed parlare con la mia amica e giocare con lei e i suoi fratelli. Abbiamo fatto tutte le lettere dell'alfabeto con i nostri corpi (la migliore era la "i" con tanto di puntino) perché non si è mai troppo grandi per giocare.
E chissà che il fatto che io abbia passato il primo dell'anno viaggiando e scoprendo non significhi che è quello che farò tutto l'anno, ho già in progetto un viaggio a Roma, uno a Milano e spero di riuscire ad andare a trovare Lily in Spagna quest'estate, dato che probabilmente anche Kyliene e Troye andranno e non vedo l'ora di rivederli tutti, mi mancano tantissimo, mi manca l'America, la mia famiglia americana e i miei amici...

Non smettete mai di viaggiare perché viaggiare è vivere
Baci
Crì










Nessun commento:

Posta un commento